Menu

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono dell'utilizzo dei cookie tecnici per migliorare la user experience.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie. Per saperne di piu'

Approvo

Appiano vittorioso a Feltre

Seconda di ritorno del campionato di serie B al Drio le Rive. Il Feltreghiaccio è reduce dal punto guadagnato ad Alleghe nel derby di giovedì, perso ai rigori, ma il tempo per pensarci su è passato e gli ospiti di sabato sera sono una delle favorite per il titolo: l'Appiano. La differenza tra le due squadre è notevole e gli altoatesini prendono rapidamente il controllo del gioco mostrando passaggi precisi e facilità di gestione del disco dentro la zona feltrina. I padroni di casa si difendono bene, ma l'Appiano passa al 4.41 con Unterkofler che segna praticamente due volte. Il primo tiro infatti entra ed esce senza che l'arbitro, vicinissimo e ben piazzato, segnali la rete; nessuno si lamenta, i gialloblu insistono e ribattono dentro. Il resto del tempo non muta il copione; con gli ospiti che raddoppiano con Fauster che, al minuto 13.39, combina benissimo con P. Jaintner ed Ebner. Gli ultimi 20 secondi del primo tempo il Feltre si presenta due volte in situazione di 2vs1 davanti a Tomasi, ma il primo tiro finisce largo e il secondo in pancia al goalie avversario.
La musica non cambia nel secondo: i locali si difendono cercando di stare ordinati e di proporsi quando c'è l'occasione e gli ospiti a gestire il pallino del gioco senza forzare. La differenza si vede tutta e i gol arrivano a scadenze precise, al 4.05 ancora Unterkofler e al 14.06 Ceresa con un siluro al volo, entrambe le marcature in power-play. I feltrini cominciano a cedere psicologicamente alla pressione e nonostante continuino a lottare, inevitabilmente arriva qualche fallo e con la partita decisa, anche il nervosismo. Le lingue feltrine si scaldano e fioccano minuti all'inizio del terzo tempo. Tormen, in pressione va dietro la porta gialloblu a caricare un avversario, con grinta, ma sembra regolare; l'arbitro più lontano fischia e sulle successive discussioni, il giocatore agordino finisce anzitempo la sua partita, spedito sotto la doccia dagli arbitri. Poi coach Scapinello pensa bene di sostituire un Burzacca, ormai provato dal superlavoro, con il giovane Jodie Manfroi, che mostra di poterci stare e bene, dentro la porta.
Eisenstecken mette a segno la sua doppietta personale al 2.11 e al 15.01 prima che Giorgio de Giacinto la metta dentro con un bel tiro al volo dalla linea blu, che da almeno la soddisfazione della bandiera alla squadra feltrina. C'è ancora tempo per ampie contestazioni verso l'arbitraggio iniziate dalla tribuna e ribadite, evidentemente anche a fine partita, da alcuni giocatori visto che il referto riporta minuti per cattiva condotta affibbiati a match concluso, a ben tre giocatori feltrini. L'eterno problema. L'unica considerazione che si sente di fare chi scrive è che il regolamento è cambiato e consente meno contatti, dando a chi si difende per tanto tempo, un po' di svantaggio. Dopo un po' che si sta in zona, con tanta pressione avversaria, è normale che la frustrazione e la stanchezza crescano e si commettano errori o si provi a fare quel di più, che può portare al fallo. Bisogna imparare a gestire meglio queste situazioni. Poi l'esperienza narra che continuare a lamentarsi con gli arbitri, raramente porta frutti e c'è da dire che però, i signori in bianconero, la maggior parte delle volte, parlano troppo poco con i giocatori per meritarsi il loro rispetto e se a fine partita ti ritrovi a dar minuti a un sacco di gente, forse un esamino di coscienza sull'andamento di una partita, il cui risultato non è mai stato in discussione, si può anche fare.
C.C.

HC Feltreghiaccio - HC Appiano 1-6 (0-2, 0-2, 1-2)
Marcatori: 4:41 Unterkofler (A), 13:39 Fauster (A), 24:05 Unterkofler (A), 34:06 Ceresa (A), 42:11 Eisenstecken (A), 55:01 Eisenstecken (A), 55:54 G. De Giacinto (F)

Leggi tutto...

Il Feltre cede al Pergine all'overtime

Al Drio le Rive va in scena l’ultima partita stagionale del Feltreghiaccio il quale, estromesso dai playoff, ospita il Pergine in piena corsa per il sesto posto.
Nonostante i 30 punti di differenza in classifica generale tra le due squadre, la partita risulta equilibrata fin dalle prime fasi del match, con un Feltre che senza paura si affaccia in zona offensiva pressando alto i giocatori avversari. A cambiare l’inerzia della partita è Presti, che al dodicesimo, dopo un’azione personale iniziata a centrocampo, salta un difensore feltrino e infila Burzacca con un preciso tiro sotto l’incrocio.
Il Feltre dal canto suo si fa vedere ripetutamente nella zona difensiva perginese ma Peiti è bravo a respingere due volte coi gambali le conclusioni ravvicinate di De Bortoli e Gris.
La partita scorre molto velocemente con continui cambi di fronte ma il risultato non cambia. Il Feltre si divora altre tre occasioni nitide per pareggiare, il Pergine tira più spesso ma con delle conclusioni inefficaci.
Quando ormai sembra che la partita si concluda con il risultato acquisito nel primo tempo, è Gris a riaccendere le speranze feltrine con il gol del pareggio a 3 minuti dalla fine. Il capitano si inserisce tra due difensori, intercetta il passaggio di Matteo Dall’Agnol e scartando il portiere deposita in rete.
Il Pergine non ci sta e prova a chiuderla prima del sessantesimo riversandosi in attacco, ma è il Feltre che ha la possibilità migliore di chiuderla ancora con Gris, che recupera un rimbalzo ma trova il palo a negarli la gioia del gol.
Si va all’overtime e a un minuto e mezzo dalla fine Meneghini gela il Drio le Rive, battendo Burzacca con un tiro di polso dallo slot che regala la vittoria al Pergine.
Si conclude con una bella prestazione quindi la stagione dei ragazzi feltrini che hanno dimostrato una volta in più i progressi fatti negli ultimi mesi. Purtroppo la vittoria non è arrivata ma certamente i segnali sono incoraggianti in vista della prossima stagione.

Leggi tutto...

Un cinico Ora batte il Feltre

Nell’ultima trasferta stagionale, il Feltreghiaccio fa visita all’Ora, in una partita ininfluente per la classifica in quanto gli altoatesini sono già qualificati per i playoff.
La partita è subito piacevole con le due squadre che si equivalgono dal punto di vista del gioco, anche se è l’Ora ad avere le occasioni migliori. Al dodicesimo Burzacca si deve superare per salvare il risultato: prima respinge su un tiro ravvicinato, poi sul rimbalzo successivo a porta sguarnita arriva col bastone deviando il disco in angolo. Il Feltre non resta a guardare e nel finale di tempo va vicino al vantaggio con Alvise De Giacinto e Matteo Dall’Agnol ma il portiere locale è bravo a salvare.
Il risultato si sblocca al sesto minuto del secondo tempo: dopo un tiro bloccato a terra dal goalie feltrino, si crea una mischia in cui i giocatori dell’Ora, dopo aver caricato il portiere, recuperano il disco e realizzano con Tschöll. L’arbitro lascia correre e l’Ora passa in vantaggio. La partita comincia ad incattivirsi anche a causa di alcune decisioni arbitrali dubbie, ma il Feltre non molla e tiene bene anche in inferiorità numerica.
A metà del terzo tempo però l’Ora raddoppia con Zelger che sfrutta al meglio l’assist di Stimpfl per infilare Burzacca nell’angolo basso alla sua destra. Il tempo per recuperare ci sarebbe ma la stanchezza sulle gambe dei giocatori feltrini si fa sentire e le azioni d’attacco sono poco incisive.
La partita si conclude con una sconfitta di misura in cui il Feltre ha comunque dimostrato che, anche contro una squadra quotata come l’Ora, con il roster al completo può rendere la vita difficile a tutti.
Domenica alle ore 20:30 il Feltre ospiterà il Pergine per l’ultima partita stagionale, con la speranza di salutare il proprio pubblico con una vittoria.

Leggi tutto...

Il Chiavenna la spunta sul Feltre

Nel weekend dedicato alle semifinali di Coppa Italia, il Feltreghiaccio torna in campo per il recupero della diciannovesima giornata del campionato di serie B, ospitando il Chiavenna.
Il match inizia con un ritmo blando e le due squadre badano più a non scoprirsi che ad attaccare con convinzione. La prima occasione capita a Scussel, che intercetta un passaggio dei difensori del Chiavenna, ma non è abbastanza freddo per infilare Rivoira. Al sesto minuto è però il Chiavenna a passare in vantaggio grazie a Stricker che approfitta di un errore in uscita di zona dei difensori feltrini per rubare il disco e scartare un incolpevole Burzacca. Il Feltre ha la possibilità di pareggiare con tre situazioni di powerplay, ma tutte le conclusioni dei giocatori feltrini vengono neutralizzate dal goalie chiavennasco che si supera in più occasioni. Nel miglior momento del Feltre arriva la doccia fredda. Il Chiavenna allunga sul 2 0 grazie a Blanc, che dopo l’ingaggio vinto da Stricker in zona offensiva, infila il goalie feltrino con un preciso slap dalla blu.
Ad inizio terzo tempo, sempre da un ingaggio, il Chiavenna allunga con il solito Stricker che guadagna il disco, scarta due difensori feltrini e di polso trova l’angolo basso sul secondo palo dove Burzacca non può arrivare.
Le speranze di rimonta del Feltre vengono alimentate da Matteo Dall’Agnol che a 5 minuti dal termine della partita accorcia dopo un batti e ribatti davanti alla porta di Rivoira.
Il gol arriva forse troppo tardi e il forcing finale non basta per poter raggiungere un Chiavenna che riesce a contenere e a portare a casa la partita con un cinico 3 a 1.
Domenica prossima il Feltre sarà impegnato a Ora nella penultima giornata di regular season.

Leggi tutto...
Sottoscrivi questo feed RSS