Menu

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono dell'utilizzo dei cookie tecnici per migliorare la user experience.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie. Per saperne di piu'

Approvo

Un solo punto dalla gara con l'AHC Vinschgau Eisfix

Giovedì primo novembre la squadra dell’Hockey Club Feltreghiaccio è scesa sul campo dell’AHC Vinschgau Eisfix dopo la vittoria ottenuta tra le mure amiche del Drio le Rive contro la squadra dell’Hockey Club Pinè e dopo i tragici eventi che hanno colpito la provincia di Belluno che le hanno impedito di svolgere allenamenti sul ghiaccio per tutta la settimana.

I padroni di casa partono subito forte, attaccando con decisione la formazione ospite per i primi dieci minuti di gioco; i quali non trovano il gol solo per i meriti di uno Stefano Viale in piena forma che mantiene il risultato invariato in tre occasioni nettissime per l’AHC Vinschgau.

A sorpresa sono invece i veneti a passare in vantaggio al minuto 13:26 con una azione personale di Marco Da Forno che salta con agilità due uomini della formazione avversaria e segna con un tiro all’incrocio dei pali alla sinistra del portiere.

Nonostante il prevalente pressing avversario, i feltrini al loro quinto tiro trovano anche il raddoppio al minuto 16:09 con Daniel Broch, dimostrando una particolare concretezza sotto porta e chiudendo il parziale con il doppio vantaggio.

All’inizio del secondo tempo lo spartito resta il medesimo dei primi venti minuti, l’AHC Vinschgau che attacca ed l’HCF chiuso in difesa. Questa volta però gli alto atesini sono più concreti ed in soli 7’ trovano prima la rete per accorciare le distanze e poi il gol del pareggio.

È solo a questo punto che gli ospiti iniziano ad imporre il proprio gioco, avanzando il baricentro e schiacciando i padroni di casa, mettendoli così alle corde. Dal pressing feltrino il Vinschgau fatica ad uscire e si trova spesso costretto a ricorrere al fallo; ed è proprio da una situazione di doppio power-play che nasce il gol del 2 a 3: a seguito di una buona circolazione del disco in zona offensiva i veneti riescono a servire Matteo Dall’Agnol che senza pressing avversario e a portiere spiazzato trova la rete del nuovo vantaggio.

Il Feltre continua il pressing alla ricerca del gol sicurezza senza però riuscirci e allo scadere del secondo tempo – complice una penalità ingenua concessa da Giorgio Cavan – sono i padroni di casa a trovare la rete del pareggio.

 Nell’ultima frazione di gioco entrambe le squadre spingono cercando il vantaggio, con i feltrini che costruiscono buone occasioni senza però sfruttarle. Con il passare del tempo i ritmi calano e nessuna delle due franchigie trova il gol della vittoria.

Non è sufficiente nemmeno il tempo supplementare per decretare un vincitore e si va, quindi, ai tiri di rigore. Anche in tale contesto sono i portieri ad essere protagonisti con quattro rigori parati sui primi cinque tentativi. È solo al sesto tentativo, infatti, che i padroni di casa riescono a passare in vantaggio e a chiudere l’incontro con il tentativo a vuoto di Marco Da Forno.

L’HCF torna a casa con un solo punto, lasciando anche questa volta la sensazione di aver perso l’occasione di accorciare in classifica non riuscendo a vincere contro un avversario certamente alla portata.

Leggi tutto...
Sottoscrivi questo feed RSS