Menu

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono dell'utilizzo dei cookie tecnici per migliorare la user experience.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie. Per saperne di piu'

Approvo

Con il Varese la vittoria sfugge nel finale

L'occasione è di quelle buone per il giovane Feltreghiaccio, perché ospite al Drio le Rive giunge un Varese che si pensa possa essere alla portata dei progressi della squadra di Scapinello. Il pubblico è ben presente e la serata è umida. Difficile fare la cronaca di una partita bella e ben giocata da tutte e due le squadre con tante occasioni, soppratutto per i padroni di casa che dominano la partita per due tempi, ma subiscono il perentorio ritorno degli ospiti nel terzo.
Il Feltre parte forte e tira in porta dalla blu 3 volte nei primi minuti. I ragazzi pattinano, il disco gira e il gioco si svolge tutto nella metà campo varesina. Da Forno salta due avversari e tira fuori da buona posizione, successivamente Merli non è pronto sul passaggio di Tormen in 2 contro 1.I padroni di casa soffrono un po' solo in penalty killing, ma se la sbrigano senza danni.
Il secondo tempo i biancorossi di casa spingono da subito e trovano il vantaggio in power-play. Gorza spara un passaggio diagonale perfetto per Lorenzo Dall'Agnol che non può sbagliare 1-0. Un minuto dopo Damin da analoga posizione ha un occasione simile, ma è svelto stavolta Bruggia che ci arriva col gambale. Il 2-0 arriva per merito del capitano Igor Gris che lavora un bel disco dietro la porta del Varese e serve benissimo Da Forno appostato nella slot che insacca senza dubbi.
I padroni di casa volano sulle ali dell'entusiasmo e spingono, costringendo gli avversari a tirar fuori dal cappello qualche furbizia. In situazione di 4vs4 i gialloneri accorciano con Andreoni, lesto a vincere la corsa con il terzino feltrino e ad insaccare un rimbalzo invitante causato da un tiro senza pretese di Mazzacane. Il Feltre di stasera sembra però non subire il colpo e 2 minuti più tardi Bertoncin resiste all'avversario e serve Matteo Dall'Agnol che non ci pensa e fa 3-1 al volo. Finisce il tempo e nasce un'inutile parapiglia in mezzo al campo, con l'arbitro costretto a dar minuti a gioco fermo. Il nervosismo si sa, non è amico di chi è in vantaggio. C'è da dire che fin qui si è visto il miglior Feltre della stagione, disciplinato in difesa,voglioso di fare la partita e capace di fare gioco, anche se un po' superficiale in fase di conclusione.
Ci si aspetta un terzo tempo difficile, ma c'è ottimismo per il risultato. I locali potrebbero chiuderla subito in avvio, ma sia Tormen sia Gris non trovano il bersaglio, chiusi all'ultimo dalla difesa ospite. Al minuti 43.27 invece Priviterra pesca un jolly e spara dalla destra un disco molto angolato che si infila all'incrocio dopo una traiettoria quasi curva. 3-2 e partita riapertissima con il Varese che prende coraggio e si fa veder sempre più spesso in zona difensiva feltrina. I problemi per Burzacca arrivano però solo quando gli ospiti sono in superiorità. Per due volte il Feltre supera indenne le situazioni di uomo in meno ed è ancora capace di reagire creando pericoli in attacco. Quando tutto sembra rientrato sotto il controllo dei padroni di casa il patatrac: un disco malamente servito in mezzo alla zona difensiva, dritto sulla stacca di Sorrenti, manda il veterano a festeggiare col sorriso verso la propria panchina. Sul tabellone 3-3. Feltre in panico e non passano due minuti che di nuovo Priviterra, dopo un ingaggio vinto in zona neutra, scappa alla sua ala, si allarga e batte sul palo lungo un Burzacca non perfetto nell'occasione. Ci sarebbe ancora il tempo per pareggiare e i biancorossi ci provano. Dopo un time-out coach Scapinello toglie il portiere e prova il tutto per tutto. L'occasionissima si presenta dopo un bell'ingaggio vinto, ma Matteo Dall'Agnol da posizione ottima tira in pancia al gaolie avversario. Mancano 40 secondi alla fine e sulla successiva rimessa in gioco, l'ex Rigoni centra la porta vuota dal proprio angolo e chiude la contesa sul definitivo 5-3.
In definitiva una sconfitta che brucia, segnata da errori tutti pagati in contanti e subito. Per fortuna già oggi si rigioca e si potranno cancellare le sensazioni spiacevoli di ieri. Rimane la buona prestazione fornita e speriamo una lezione imparata. Il campionato è lungo e nella seconda fase ci sarà tempo per una certa rivincita. Forza Feltre!!
C.C.

Devi effettuare il login per inviare commenti
Torna in alto