Menu

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono dell'utilizzo dei cookie tecnici per migliorare la user experience.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie. Per saperne di piu'

Approvo

Feltre eliminato dalla Coppa Italia

Nel weekend dedicato alla Coppa Italia, il Feltre torna in campo ancora contro il Pergine dopo la sconfitta casalinga di mercoledì scorso. Gara secca con il vincitore che incontrerà ai quarti di finali il Merano già qualificato.
Il Feltre deve rinunciare all’infortunato Caldart e agli influenzati De Bortoli e Polini, per il resto la formazione è la stessa dell’ultimo match.
Parte bene la formazione feltrina che dopo pochi minuti potrebbe essere già in vantaggio con Matteo Dall’Agnol, ma il suo tiro si infrange sulla traversa, rimbalza oltre la linea ed esce ma l’arbitro nonostante sia ben posizionato annulla.
Da qui in poi il Feltre si innervosisce faticando a produrre buon gioco e subendo le continue incursioni dei trentini. Al quindicesimo il Pergine passa in vantaggio con Valorz che con un bel tiro di polso buca l’incolpevole Manfroi. Due minuti dopo, lo stesso Valorz raddoppia raccogliendo un rimbalzo da pochi metri sul tiro di Colombini.
La condotta arbitrale innervosisce sempre di più i giocatori feltrini che ingaggiano una sfida personale contro la quaterna arbitrale. Ad averne la peggio è proprio il Feltre con Gris che viene spedito 10 minuti in panca puniti per proteste. Il Pergine dal canto suo resta concentrato sulla partita senza farsi condizionare e passa ancora con Colombini che inganna Manfroi con un preciso tiro sotto il sette.
Eliminate tutte le penalità il Feltre ci prova ancora ma Tononi è bravo a sventare il tentativo di Merli in powerplay.
Con il risultato ormai in cassaforte, nel terzo tempo il Pergine amministra il risultato concedendo ben poco ai feltrini che incapaci di reagire, subiscono ancora 3 reti. Prima Ambrosi in powerplay trova il varco giusto per infilare Manfroi con un potente slap, poi Meneghini ed infine Rodeghiero fissano il risultato sul 6 a 0.
I feltrini, nonostante il passivo pesante, non hanno giocato un brutto match, ma sono caduti ancora nei soliti errori dovuti al nervosismo nei confronti degli arbitri che hanno fatto perdere la concentrazione a tutta la squadra.
Ci sarà una settimana di tempo per lavorare e riflettere sugli sbagli commessi prima di rituffarsi sul campionato con il match di sabato prossimo a Merano, in un match proibitivo ma che sarà propedeutico per la seconda fase della stagione.

Devi effettuare il login per inviare commenti
Torna in alto