Menu

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono dell'utilizzo dei cookie tecnici per migliorare la user experience.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie. Per saperne di piu'

Approvo

Il Vipiteno stende il Feltre nel finale

La stagione 2018-19 del Feltreghiaccio riparte dalla IHL Division 1, puntando su un gruppo composto prevalentemente da giocatori feltrini e dagli innesti degli “stranieri” Vittorio Basso, proveniente da Asiago, e Guglielmo Scussel, giocatore proveniente da Zoldo ma con due anni di esperienza a Feltre.  Con gli addii di diversi giocatori, la squadra si presenta ai nastri di partenza con un’età media molto bassa, con gran parte del gruppo con età inferiore ai vent’anni. In panchina, dopo il passaggio di Scapinello al Bressanone in IHL, il nuovo allenatore è Kevin Reinis, promosso dalle giovanili alla prima squadra, aiutato dagli ex giocatori Christian Campigotto e Simone D’Agostini.

Sulle gambe dei feltrini pochi allenamenti ancora e qualche meccanismo ancora da oliare, però l’inizio della partita sul ghiaccio di casa contro una formazione preparata come il Vipiteno non è niente male.
Tra i pali dal primo minuto il giovane Jodie Manfroi che nel corso  della prima frazione non è molto impegnato, anche se al decimo deve capitolare a causa di un pasticcio della difesa feltrina che regala il disco a Baier che da pochi passi non può sbagliare.
Nonostante lo svantaggio, il Feltre non subisce molto e crea diverse occasioni. A capitalizzare il pareggio quattro minuti dopo ci pensa Lorenzo Dall’Agnol che, in azione solitaria, si lascia alle spalle un difensore per poi trovarsi a tu per tu con Rabanser e insaccare sotto la traversa.
Si va al riposo sul risultato di 1 a 1 con la sensazione che la partita resterà in bilico  fino alla fine.

Il secondo tempo vede il Feltre prendere più coraggio  e prendere le redini del gioco, costringendo spesso il Vipiteno a chiudersi nel proprio terzo, ma complice l’imprecisione degli attaccanti feltrini, il gol non arriva.
Prima Da Forno su assist da dietro porta di Gris spara sui gambali del portiere, poi Fantinel e Cavan si divorano da pochi metri la possibilità di passare in vantaggio.

Il Feltre non riesce a concretizzare la mole di gioco creata e, nel terzo tempo, un Vipiteno più vivace si fa presente con più frequenza dalle parti di Manfroi. mentre il Feltre sembra accusare la stanchezza nell’ultima frazione concedendo qualche occasione di troppo.
A due minuti dalla fine la doccia fredda: una penalità per sei uomini in campo permette agli altoatesini di giocare in powerplay. L’occasione non viene sprecata e Clementi fa partire un tiro dalla blu e nella mischia davanti porta Planatscher trova la deviazione vincente per ingannare Manfroi.
Il Feltre sembra aver accusato il colpo e 20 secondi dopo subisce anche il 3 a 1 con un tiro ravvicinato di Jager. Non c’è più tempo per recuperare e negli ultimi scampoli di partita i tentativi del Feltre di recuperare vengono vanificati da Rabanser.

La partita si chiude sul risultato di 3 a 1 per il Vipiteno, anche se quanto visto in questo primo match fa ben sperare per il giovane gruppo feltrino che saprà sicuramente rifarsi nelle prossime uscite.

Devi effettuare il login per inviare commenti
Torna in alto