Menu

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono dell'utilizzo dei cookie tecnici per migliorare la user experience.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie. Per saperne di piu'

Approvo

Appiano vittorioso a Feltre

Seconda di ritorno del campionato di serie B al Drio le Rive. Il Feltreghiaccio è reduce dal punto guadagnato ad Alleghe nel derby di giovedì, perso ai rigori, ma il tempo per pensarci su è passato e gli ospiti di sabato sera sono una delle favorite per il titolo: l'Appiano. La differenza tra le due squadre è notevole e gli altoatesini prendono rapidamente il controllo del gioco mostrando passaggi precisi e facilità di gestione del disco dentro la zona feltrina. I padroni di casa si difendono bene, ma l'Appiano passa al 4.41 con Unterkofler che segna praticamente due volte. Il primo tiro infatti entra ed esce senza che l'arbitro, vicinissimo e ben piazzato, segnali la rete; nessuno si lamenta, i gialloblu insistono e ribattono dentro. Il resto del tempo non muta il copione; con gli ospiti che raddoppiano con Fauster che, al minuto 13.39, combina benissimo con P. Jaintner ed Ebner. Gli ultimi 20 secondi del primo tempo il Feltre si presenta due volte in situazione di 2vs1 davanti a Tomasi, ma il primo tiro finisce largo e il secondo in pancia al goalie avversario.
La musica non cambia nel secondo: i locali si difendono cercando di stare ordinati e di proporsi quando c'è l'occasione e gli ospiti a gestire il pallino del gioco senza forzare. La differenza si vede tutta e i gol arrivano a scadenze precise, al 4.05 ancora Unterkofler e al 14.06 Ceresa con un siluro al volo, entrambe le marcature in power-play. I feltrini cominciano a cedere psicologicamente alla pressione e nonostante continuino a lottare, inevitabilmente arriva qualche fallo e con la partita decisa, anche il nervosismo. Le lingue feltrine si scaldano e fioccano minuti all'inizio del terzo tempo. Tormen, in pressione va dietro la porta gialloblu a caricare un avversario, con grinta, ma sembra regolare; l'arbitro più lontano fischia e sulle successive discussioni, il giocatore agordino finisce anzitempo la sua partita, spedito sotto la doccia dagli arbitri. Poi coach Scapinello pensa bene di sostituire un Burzacca, ormai provato dal superlavoro, con il giovane Jodie Manfroi, che mostra di poterci stare e bene, dentro la porta.
Eisenstecken mette a segno la sua doppietta personale al 2.11 e al 15.01 prima che Giorgio de Giacinto la metta dentro con un bel tiro al volo dalla linea blu, che da almeno la soddisfazione della bandiera alla squadra feltrina. C'è ancora tempo per ampie contestazioni verso l'arbitraggio iniziate dalla tribuna e ribadite, evidentemente anche a fine partita, da alcuni giocatori visto che il referto riporta minuti per cattiva condotta affibbiati a match concluso, a ben tre giocatori feltrini. L'eterno problema. L'unica considerazione che si sente di fare chi scrive è che il regolamento è cambiato e consente meno contatti, dando a chi si difende per tanto tempo, un po' di svantaggio. Dopo un po' che si sta in zona, con tanta pressione avversaria, è normale che la frustrazione e la stanchezza crescano e si commettano errori o si provi a fare quel di più, che può portare al fallo. Bisogna imparare a gestire meglio queste situazioni. Poi l'esperienza narra che continuare a lamentarsi con gli arbitri, raramente porta frutti e c'è da dire che però, i signori in bianconero, la maggior parte delle volte, parlano troppo poco con i giocatori per meritarsi il loro rispetto e se a fine partita ti ritrovi a dar minuti a un sacco di gente, forse un esamino di coscienza sull'andamento di una partita, il cui risultato non è mai stato in discussione, si può anche fare.
C.C.

HC Feltreghiaccio - HC Appiano 1-6 (0-2, 0-2, 1-2)
Marcatori: 4:41 Unterkofler (A), 13:39 Fauster (A), 24:05 Unterkofler (A), 34:06 Ceresa (A), 42:11 Eisenstecken (A), 55:01 Eisenstecken (A), 55:54 G. De Giacinto (F)

Leggi tutto...

Il Chiavenna espugna il Drio le Rive

Un buon pubblico attende con speranza l'arrivo del Chiavenna al Drio le Rive, dato che i lombardi stazionano appena avanti in classifica ai nostri e l'occasione per l'aggancio è di quelle da non perdere. Infatti l'avvio feltrino promette bene e il portiere ospite Rivoira è già impegnato due volte nel primo minuto sia da Tormen che da Matteo Dall'Agnol. Il Feltre gioca nella metà campo ospite e cerca di fare quello che deve: la partita. Alla prima penalità feltrina, presa da Zallot, il Chiavenna però passa, con un tiro forte da destra da parte di Tenca che sorprende Burzacca sul guanto da presa.
0-1 e squadra di casa che vede crollare le sue certezze e forse anche il piano partita. C'è da dire che in fase di impostazione si sente parecchio la mancanza della coppia di difensori De Giacinto-Damin, impegnati con la nazionale under 18 in Ungheria, in termini di velocità e dinamica di uscita del disco dalla zona e di impostazione. Dietro siamo un po' lenti e macchinosi anche nei passaggi semplici. Pur con difficoltà il Feltre riesce in qualche modo a tenere il pallino del gioco e sul tiro meno pericoloso del primo tempo Bertoncin pareggia e fa tirare un sospiro di sollievo a tutto lo stadio. I primi 10 minuti del secondo tempo sono però disastrosi e se i padroni di casa non si fanno vedere più dalle parti del portiere ospite ci pensa Gallegioni assistito da Lo Russo e Marcati a riportare avanti il Chiavenna. Il colpo si fa sentire e la paura di perdere cala sul capo dei feltrini, che avrebbero oltre 2 minuti in 5 contro 3 a favore da sfruttare, ma tergiversano sulla blu, non mettono pressione al golie avversario e tirano con poca convinzione. Tanto tempo in superiorità sprecato e tanto nervosismo sembrano prendere il sopravvento nelle menti della squadra di casa che ci pensano troppo e alla fine non otterranno niente. Matteo Dall'Agnol inizia il suo monologo con gli arbitri che prima sopportano e poi puniscono, non il solo, comunque e il Feltre soffre, giocando in inferiorità. Il ragazzo ha i mezzi per mettere tutti a tacere con quello che sa fare sul ghiaccio, ma spreca tante energie nervose prendendosela troppo spesso con i signori in bianconero.
C'è ancora un tempo da giocare e lo spazio per recuperare ci sarebbe tutto, ma ci vorrebbe una convinzione diversa, che il Feltre, stasera sembra non avere. La più grossa occasione per pareggiare ce l'ha Marvin Merli, che si fa trovare smarcato e pronto a ricevere un passaggio dall'angolo dopo il buon lavoro dei compagni di linea, ma la conclusione non è fortunata ed è anche bravo Burzacca sui contropiedi dei lombardi, che un paio di volte si presentano dalle sue parti in 2 contro1. Finisce così con la festa prolungata dei dieci tifosi ospiti, a cui almeno sarà stato lieto il lungo ritorno a casa.
Il Feltreghiaccio, ieri sera, ha mostrato i suoi limiti, tecnici e mentali, quando deve fare la partita e non solamente difendersi e questo alla vigilia del derby di ritorno giovedì ad Alleghe non è una bella notizia. Quella buona è che rientreranno due giovani validi e che giocare due volte così male in una settimana non è possibile che succeda. Lo speriamo. Forza Feltre!!
C.C.

HC Feltreghiaccio - HC Chiavenna 1-2 (1-1, 0-1, 0-0)
Marcatori: 5:12 Tenca (C), 14:52 Bertoncin (F), 22:43 Gallegioni (C)

Leggi tutto...

L Alleghe porta a casa un derby rocambolesco

Serata derby al palaghiaccio di Feltre per il recupero della prima giornata di campionato e pubblico delle grandi occasioni sugli spalti del Drio le Rive che registra quasi 400 paganti. Le due squadre bellunesi si presentano con i roster al completo e in un buon momento di forma. Tempo di studiarsi un attimo e Lorenzi stende con una ginocchiata Dall'agnol Matteo appena dentro la blu regalando il primo powerplay al Feltre. In superiorità dall'Agnol Lorenzo si fa tutto il campo in progressione e morendo in angolo da terra riesce a giocare il disco per il fratello, che insacca il gol dell'uno a zero. 30 secondi dopo Veggiato potrebbe impattarla, ma Burzacca risponde da par suo. La partita è solo all'inizio e i padroni di casa concedono campo e occasioni, ma non perdono il controllo e l'Alleghe non è fortunato con un disco che rimbalza sulla traversa e poi sulla riga di porta. L'ex Tormen viene un po' preso di mira dagli agordini ma saprà reagire a tempo debito. Ancora Dall'Agnol Matteo ha l'occasione per fare 2-0 ma spara fuori a due passi da Manfroi.
Il secondo tempo inizia con le squadre attente a non commettere errori, con l'Alleghe che però riesce a spostare il baricentro del gioco nella zona di difesa feltrina e a creare pressione nel terzo dei padroni di casa. Burzacca però è sempre attento e non si fa sorprendere. Veggiato e De Val, le bocche da fuoco alleghesi mancano di precisione. Un errore dei feltrini in impostazione di powerplay regala una situazione favorevole agli agordini che impattano con De Val.1-1 e terzo tempo carico di tensione in arrivo. C'è una bella atmosfera allo stadio con il gruppo rock dei Topaya's che riscalda il pubblico. Bella iniziativa della società di casa con abbinamento partita/concerto.
Il terzo drittel mostra le squadre con più paura di perdere che con la voglia di vincere e ci vuole un tiro di Zallot ribattuto per spedire Martini da solo verso il golie feltrino. Il terzino recupera ma stende l'avversario davanti alla porta. Per l'arbitro c'è il rigore che lo stesso Martini trasforma molto bene. Rimangono 10 minuti sul cronometro e tutto è ancora da giocare ma è tempo di gettare la maschera e provare a tirar fuori quello che si ha. L'equilibrio nervoso si rompe causa una penalità francamente dubbia fischiata contro Merli in attacco. L'Alleghe ha la possibilità di mettere a segno un colpo importante. Lo fa con il suo uomo più esperto; Carlo Lorenzi brucia Burzacca dalla blu e gli agordini si sentono la partita in tasca. Sul cronometro poco più di sei minuti. Il Feltre sembra sulle ginocchia, ma una doppia superiorità regala ai padroni di casa il gol del 3-2 firmato Tormen e ancora speranza al pubblico locale. I feltrini non hanno più timeout ma sono ancora, per un minuto e trenta, in power-play. 3 minuti sul cronometro De Val scappa in alleggerimento e di fronte allo spazio lasciato dai terzini del Feltre non ci pensa due volte e spara un polso malefico sopra la spalla di un comunque ottimo Burzacca e allunga ancora. Finita? Nient'affatto Tormen non molla e agguanta un rimbalzo lasciato da Manfroi e la partita è ancora lì 4-3 e due minuti da giocare. Pressione dei padroni di casa che tolgono il portiere, ma che non riescono a trascinare la partita all'overtime perché il giovane Edgar de Toni la chiude, depositando il 5-3 nella porta vuota.
Ancora una delusione e delle più amare per i nostri colori, ma bisogna saper reagire: le prossime due partite, a Como e in casa con il Chiavenna possono portar miglior sorte. C.C.

HC Feltreghiaccio - HC Alleghe 3-5 (1-0, 0-1, 2-4)
Marcatori: 2:29 M. Dall'Agnol (F), 34:29 De Val (A), 50:22 Martini (A), 53:41 Lorenzi (A), 56:33 Tormen (F), 57:08 De Val (A), 57:29 Tormen (F), 59:06 E. De Toni (A)

Leggi tutto...
Sottoscrivi questo feed RSS